La musica di domani tra blockchain e AI

Blockchain, Intelligenza artificiale, realtà virtuale ed aumentata: sono questi i temi più discussi negli eventi dedicati all’industria musicale.

Dopo il download e lo streaming, l’evoluzione del settore musicale non si arresta e si affida alle tecnologie innovative, come la blockchain. Si parla di questa tecnologia soprattutto in merito alla gestione dei diritti d’autore.

Blockchain è un termine che comprende diverse tecnologie emergenti che utilizzano la crittografia e il calcolo peer-to-peer distribuito per creare applicazioni decentralizzate che archiviano i dati  su un “libro mastro distribuito”.

In pratica è possibile integrare all’interno di una rete di blockchain le informazioni necessarie alla remunerazione di tutte le realtà legate ad un brano. I diversi settori dell’industria discografica stanno già costruendo soluzioni proprie (ad. es database di metadati) che in futuro potrebbero includere automaticamente questo tipo di tecnologia. Questo perchè è possibile integrare in una rete di blockchain tutte le informazioni necessarie per la ripartizione automatica dei diritti.

Un altro settore in forte crescita è quello delle tecnologie VR (Virtual Reality) e AR (Augmented Reality) applicate alla musica. Le tecnologie VR portano il fan in un mondo digitale tridimensionale utilizzando un piccolo auricolare in grado di riprodurre video e audio 3D. I sensori di movimento e altri controlli permettono all’utente di “muoversi” all’interno della proiezione video.

La tecnologia di Augmented Reality (AR) permette di sovrapporre i dati proiettati digitalmente su immagini reali. Ad esempio, è possibile inserire immagini generate al computer su video girati mediante la fotocamera dello smartphone. Alcune app includono la sovrapposizione di testi o immagini di una band nello spazio in cui si trova l’utente e sono finalizzate anche al miglioramento dell’esperienza nei club e nei festival.

In ambito domestico il futuro è l’Intelligenza Artificiale. Esistono già dispositivi in grado di riprodurre musica tramite un comando vocale e domani saranno in grado di cambiare le modalità di fruizione della musica riproducendo ad es. la canzone più adatta al nostro umore.

[Fonte]