Studiare musica favorisce lo sviluppo del linguaggio nei bambini

Studiare musica favorisce lo sviluppo del linguaggio nei bambini

Un gruppo di ricercatori del MIT, in collaborazione con l’Università di Pechino, ha scoperto che studiare musica favorisce lo sviluppo del linguaggio nei bambini.

Studiare musica ed in particolare studiare il pianoforte aiuta i bambini a sviluppare e comprendere meglio il linguaggio. Secondo i ricercatori del MIT  i bambini che studiano il pianoforte riescono a distinguere meglio le parole.

Gli esperti del MIT hanno scoperto che lo studio del pianoforte ha effetto soprattutto sulla capacità dei bambini di distinguere le diverse tonalità. E questo si traduce in un miglioramento nella distinzione tra le parole pronunciate.

La ricerca è stata condotta su un campione di 74 bambini pechinesi di età compresa tra i 4 e i 5 anni. I bambini sono stati divisi in tre gruppi. Ad un gruppo  sono state assegnate 3 lezioni a settimana di pianoforte della durata di 45 minuti. Un altro gruppo ha seguito lezioni di lettura extra, per lo stesso periodo, mentre il terzo gruppo non ha seguito alcuna lezione.

Dopo 6 mesi, il gruppo che ha seguito le lezioni di piano ha mostrato maggiori capacità nel riconoscere parole che differivano di una consonante. Rispetto al gruppo che non aveva ricevuto alcuna lezione, i bambini che avevano svolto lezioni di pianoforte e quelli che avevano seguito lezioni di lettura extra hanno inoltre mostrato maggiore abilità nel riconoscere parole che differivano di una vocale.

I ricercatori, quindi, hanno eseguito un’elettroencefalografia per misurare l’attività celebrale dei bambini. Si è scoperto che i bambini nel gruppo del piano avevano risposte più forti rispetto agli altri bambini quando ascoltavano una serie di suoni di tono diverso. Questo indica che una maggiore sensibilità nel cogliere le differenze di tono aiuta i bambini a distinguere meglio le parole.

I ricercatori nei test di QI, attenzione e memoria di lavoro non hanno trovato differenze significative tra i tre gruppi di bambini. Le lezioni di pianoforte, quindi, non hanno migliorato la funzione cognitiva complessiva, ma il training musicale è stato comunque utile nel migliorare le abilità linguistiche, forse più delle lezioni extra di lettura.

[Fonte]